Internazionale

Norvegia, il killer si era convertito all’Islam quattro anni fa

37 anni, madre danese e padre norvegese: si chiama Espen Andersen Brathen ed è il killer che ieri ha ucciso cinque persone in Norvegia, a Kongsberg. Ha fatto irruzione in un negozio prima e poi in una serie di abitazioni private, munito di coltello, arco e frecce. Ha ucciso quattro donne e un uomo, un agente in borghese, i cui corpi sono stati trovati in parte per strada, in parte nelle abitazioni.

Come racconta La Stampa, da tempo viveva isolato nella sua casa e da quattro anni si era convertito all’Islam. Il 29 maggio ha ricevuto un divieto di avvicinamento alla famiglia dopo che ha fatto irruzione nella casa dei suoi genitori e ha minacciato il padre con una pistola. In estate un vicino di casa ha chiamato la polizia perché lo vedeva brandire in giardino armi e bastoni.

La segnalazione più preoccupante risale al 2017 ed è stata fatta da un amico di infanzia che avverte la polizia del video pubblicato da Brathen in cui si definisce un messaggero dell’Islam. L’amico lancia l’allarme: “È una bomba ad orologeria in grado di fare qualcosa di assolutamente terribile”.

La polizia ha spiegato che il giovane era tra i segnalati per allerta terrorismo, ma, non avendo ricevuto ulteriori segnalazioni nel 2021, non era più tenuto d’occhio come prima.

I moventi della strage sono ancora da chiarire anche se non si esclude la pista del terrorismo. Intanto si procederà con una perizia psichiatrica.

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!