Internazionale

Il grido di protesta delle donne afgane: “L’Emirato è la negazione della donna, azzera il cammino di questi anni”

“Insegnavo in una scuola privata, al tempo stesso stavo prendendo il master in studi sociali presso un’università privata. Quando i taleban sono arrivati a Kabul tutto è finito nel giro di 24 ore, abbiamo smesso di andare al lavoro e di andare a scuola, eravamo terrorizzate”, è la storia di Tamanna, ventiquattrenne, che il 7 settembre era tra le donne scese in piazza a Kabul per protestare contro i talebani.

“L’Emirato è la negazione della donna, sono i taleban che ci spingono a scendere nelle piazze per manifestare, abbiamo perso ogni diritto e stiamo perdendo la speranza. Per questo ci aggrappiamo alle proteste, per continuare a sentirci vive e per non regalare agli oppressori una vittoria che avrebbe il sapore di una sconfitta non solo per l’Afghanistan ma per il mondo intero”, afferma la giovane in un’intervista a La Stampa.

Il ritorno dei talebani è stato sin da subito un incubo: “Eravamo spaventate ma soprattutto eravamo consapevoli che avremmo perso la nostra dignità, che ci avrebbero private del lavoro e delle nostre vite”.

Tamanna non ha però intenzione di fermarsi perché, come spiega lei, la protesta è l’unico modo per farla sentire ancora viva: “Tutte noi abbiamo paura, ma sono gli stessi talebani che ci spingono nelle strade a manifestare, questa situazione fa tornare indietro l’Afghanistan e il mondo di vent’anni, azzera il cammino che è stato compiuto in questi due decenni, un cammino di crescita e di maturazione che ha permesso alle donne di essere un pezzo fondamentale della società”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!