Attualità e politica

Sciopero della fame di Battisti per istanza trasferimento respinta: “Qui nulla è predisposto per chi non condivide la tradizione musulmana”

“Sono l’unico detenuto non legato al terrorismo islamico”, è quanto si legge nella lettera dell’ex terrorista Cesare Battisti rivolta al Dap (Dipartimento amministrazione penitenziaria) contro il rigetto dell’istanza di trasferimento che avevano presentato i suoi avvocati.

Il motivo della richiesta? “Il Dap pare ignorare che nel reparto dove sono detenuto nulla è predisposto peri detenuti che non condividono i costumi e la tradizione musulmana o che abbiano vivaci incompatibilità di convivenza con questa categoria di detenuti”, si legge nella lettera, come racconta Libero.

Il problema sarebbe quindi la convivenza con i detenuti islamici nel regime di Alta Sicurezza (AS2) di Rossano Calabro: “L’As2 di Rossano è una tomba, lo sanno tutti. Il famigerato portone “Antro Isis” è tabù perfino per il cappellano. Qui tutto è predisposto per tenere a bada dei ferventi musulmani, ai quali, se pure in condizioni esecrabili, è stato concesso il diritto di pregare insieme”, aggiunge Battisti.

L’ex terrorista ha avviato uno sciopero della fame e la sospensione delle cure per i suoi problemi di salute come protesta al “grave disagio” che vive.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!