LifestyleTendenze

Long Covid, tra il 10 e il 30% di chi si contagia sviluppa sintomi per mesi

Diverse persone che sono guarite dal Covid portano con sé per mesi sintomi, come fiato corto, dolore al petto, disturbi del sonno, nausea. Si tratta del long Covid, che colpisce tra il 10 e il 30% di chi si è contagiato.

Come riporta il Sole 24 Ore, l’analisi, pubblicata su Lancet EClinical Medicine, relativa a 56 paesi, prende in esame oltre 3.700 pazienti, e ha descritto più di 200 sintomi in 10 organi diversi. Il long Covid colpisce più le donne, quasi sempre con un tampone negativo e senza che l’infezione presa sia stata grave. Inoltre, è più frequente nelle persone adulte, che negli anziani, oppure nei bambini e nei ragazzi.

Diversi studi stanno cercando di individuarne le cause e le relative cure. Potrebbe trattarsi di una reazione autoimmune o di concentrazioni molto basse di Coronavirus, talmente minime da non essere rilevate dal tampone, ma ancora presenti nell’organismo e che continuano a dare queste risposte a bassa intensità, ma dannose. O ancora, può trattarsi di danni a singoli organi o tessuti provocati dal Covid.

Il Long Covid ha poi molto in comune con la sindrome da affaticamento cronico o Me-Csf. La Aim ImmunoTech sta studiando il rintatolimod, un farmaco specifico per ora approvato in Argentina, e ha richiesto di allargare il trial ai casi di long Covid.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!