CLEAN ENERGYEconomia

G20 Ambiente, Clima, ed Energia: divergenze tra il G7 e altri Paesi

“La transizione ecologica non è un pranzo di gala”, lo ha dichiarato Roberto Cingolani, anticipando che per le giornate del G20 Ambiente, Clima ed Energia, in corso a Napoli oggi 22 luglio e domani 23 luglio, si sta lavorando ad un “documento comune”.

Come racconta il Sole 24 Ore, i macro-temi di cui i leader discuteranno riguardano biodiversità, protezione del capitale naturale e ripristino degli ecosistemi, uso efficiente delle risorse ed economia circolare e finanza verde. Non mancheranno le divergenze, soprattutto sugli obiettivi dei paesi che vantano le economie più ricche e quelli “meno ambiziosi”.

Un primo punto di frizione riguarda i target dell’accordo di Parigi del 2015 e, in particolare, contenimento degli aumenti di temperatura entro gli 1,5 gradi centigradi rispetto ai livelli pre-industriali. Da un lato vi sono i paesi membri del G7 che sono a favore e spingono per il rispetto degli obiettivi, mentre altri, tra cui Arabia Saudita, Russia, India e Cina, li contestano e non vogliono adeguarsi.

Un altro nodo da scogliere è la neutralità carbonica entro il 2050. I paesi meno ambiziosi chiedono obiettivi più generici, come emissioni “bilanciate” entro la seconda metà del secolo in corso, o ancora, c’è chi si oppone al menzionare nel documento conclusivo l’eliminazione graduale della generazione elettrica da carbone e l’uscita progressiva dai sussidi ai combustibili fossili inefficienti.

Intanto l’inviato speciale su clima del presidente Usa John Kerry ha invitato Pechino ad aumentare i suoi sforzi sul “più grande test del nostro tempo”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!