Attualità e politica

Primi passi in avanti sul passaporto vaccinale in Ue

Ieri al Consiglio europeo tra i 27 membri dell’Ue, sembra essere stato fatto un passo in avanti sul passaporto vaccinale, su cui il premier greco insiste da tempo.

Ci vorranno tre mesi per realizzare “un sistema interoperabile a livello europeo”, come ha sottolineato la presidente von der Leyen. Sul documento ci saranno poche informazioni, i cui dati sensibili rimarranno negli Stati membri, come l’avvenuta vaccinazione, l’immunità al Covid-19 acquisita contraendo il virus o la negatività ad un test Pcr.

Come spiega il Corriere della Sera, l’obiettivo è far ripartire gli spostamenti in vista dell’arrivo dell’estate. Inoltre, l’Unione agisce anche in un’ottica politica per evitare “misure unilaterali” e perché colossi come Google ed Apple già stanno pensando a sviluppare dei propri modelli: “È importante avere una soluzione europea perché sappiamo che Google e Apple stanno già offrendo soluzioni all’Oms”, ha spiegato la von der Leyen.

Restano ancora numerosi nodi aperti, come i diritti a cui darà accesso il passaporto vaccinale. Grecia, Portogallo, Spagna si sono mostrati sin da subito favorevoli, mentre a Parigi e Berlino rimangono ancora dei dubbi sui possibili risvolti discriminatori.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!