Attualità e politica

Al governo Draghi spetta gestire 539 decreti attuativi lasciati in eredità da Conte

Tra l’eredità di Giuseppe Conte al suo successore Mario Draghi, vi è un mare di decreti attuativi. Quando una legge viene approvata o una riforma accordata, dopo la pubblicazione in Gazzetta, serve un decreto attuativo per renderla effettivamente operativa.

Il grande problema dei governi italiani è l’accumulo di decreti attuativi trasferito da un esecutivo e all’altro, che rallenta, e non di poco, il lavoro. È ciò che è successo a Draghi che ha ereditato ben 539 provvedimenti attuativi.

Come racconta La Stampa, tra le riforme varate dal premier Conte solo il 32% dei decreti attuativi sono stati adottati (253 su 792). Tra i dicasteri più incastrati in questo nodo ci sono il ministero dell’Economia, della Giustizia e dello Sviluppo economico. Guardando per esempio all’ultima legge di bilancio, approvata a dicembre, erano previsti 176 provvedimenti attuativi ma finora ne è stato attuato solo uno.

Toccherà ora agli attuali numeri uno dei dicasteri procedere, il che comporterà inevitabilmente ritardi sulle nuove emergenze. Certo è che si tratta di un circolo vizioso che accomuna tutti gli esecutivi: il premier Conte ha ricevuto in dote la finanziaria con 36 provvedimenti attuativi non ancora adottati.

Per citare qualche esempio, nel decreto Rilancio erano previsti 137 provvedimenti attuativi e ne mancano ancora 52, o quello Semplificazioni ne aveva bisogno di 37 ma ne sono stati realizzati solo 3. Ancora, nel decreto Agosto ci sono ancora 44 norme attuative (su 63) da adottare.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!