Internazionale

Export in tempi Brexit: troppi intoppi alle frontiere

La Brexit ha esentato dai dazi i prodotti agroalimentari, ma con delle regole precise. Per esempio se un ingrediente che occupa più del 30% del peso proviene da fuori Ue, allora il dazio si paga eccome.

 È il caso dei ravioli ripieni di gamberi, prodotti in Italia e molto amati a Londra, che utilizzano pesce tailandese, o ancora di un peperoncino ripieno di tonno, acciughe e capperi, ma il cui tonno è del Nordafrica.

Come racconta il Sole 24 Ore, l’unica soluzione è quella di “vivisezionare” ogni alimento per sapere qual è la percentuale di ogni componente, procedura che richiede tempo e risorse. Non è questo l’unico intoppo: esistono anche iter burocratici che mettono in difficoltà le piccole imprese che chiedono aiuto ai grandi distributori.

Il fattore tempo è altrettanto importante: in Inghilterra le dogane si fermano alle ore 18 e quando il venerdì chiudono i battenti, li riaprono direttamente il lunedì. Se un camionista che trasporta le merci fa tardi, è costretto a sostare là un intero weekend.

I tempi di transito delle merci sono aumentati tra il 50% e il 100%, a questi si aggiungono costi ulteriori per iter amministrativi e burocratici, il che scoraggia molte imprese che decidono di rinunciare all’export.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!