Internazionale

Cambio di arredamento per lo Studio Ovale di Joe Biden

Joe Biden si è messo subito a lavorare emanando circa 17 misure, tra ordini esecutivi e dichiarazioni, per cancellare l’era Trump. Ha subito fatto cambiamenti anche nell’arredamento dello Studio Ovale, togliendo alcuni riferimenti voluti da Trump e inserendone altri.

Per esempio ha fatto togliere le bandiere militari e il ritratto di Andrew Jackson, presidente populista che cercò di abolire il Collegio elettorale, molto stimato dal tycoon. Lo ha sostituito con quello di Franklin Delano Roosevelt, a cui spetta ora il posto d’onore davanti alla scrivania, il Resolute Desk.

La scultura di Martin Luter King era presente anche con Trump ma relegata in un angolo: ora le è stata data molta più centralità, collocata accanto al caminetto. Dietro al Resolute Desk, oltre alle foto di famiglia, c’è il busto di César Chávez, sindacalista e attivista per i diritti degli ispanici, e quello di Rosa Parks, donna-simbolo della lotta contro la segregazione.

Intorno al quadro di Roosevelt, compaiono ora quello di George Washington e Abramo Lincoln da un lato e di Thomas Jefferson e del suo grande avversario politico Alexander Hamilton, uno dei Padri fondatori della Repubblica, dall’altro.

Nessuna variazione invece per il Resolute Desk. Tra sei modelli a disposizione, Biden ha scelto lo stesso di Obama e di Trump.

Tutti gli elementi portati da Biden hanno un valore simbolico molto importante: il ruolo della scienza, i principi democratici e la lotta al razzismo, tutti fronti sui quali il neopresidente Joe Biden vuole fare leva.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!