Attualità e politica

‘Noi schiavi dell’alcol’: con il lockdown una persona su due ha avuto ricadute

Per chi abusa di alcol l’isolamento dovuto alla pandemia è stato il colpo finale. Con il lockdown sono aumentate in modo esponenziale le vendite di alcolici online: l’incremento stimato è tra il 180% e il 200%, come riporta Alcolisti Anonimi, citando i dati dell’Istituto superiore di sanità.

Se prima per esempio le persone giravano tra più bar per evitare di essere subito etichettate come ‘alcoliste’, adesso la gente è chiusa in casa e fa ordini continuamente senza alcun limite o timore di essere vista. Un altro effetto negativo è stata l’interruzione degli incontri con le associazioni: Alcolisti Anonimi offre supporto via telefono, ma l’assenza di interazione ha incrementato la necessità di ricorrere al bere per pensare di riuscire a sfuggire dalla depressione.

L’associazione Alcolisti Anonimi raccoglie 6mila persone, divise in 450 gruppi da 10-20 componenti l’uno. Come racconta La Stampa, almeno il 50% di loro ha dovuto intraprendere il percorso da capo a causa di ricadute durante il lockdown.

Sono aumentati anche i giovani che si sono avvicinati all’alcol, mentre tra le donne rientra solo il 20% di chi chiede aiuto, un dato che mostra quando l’uso di alcolici sia ancora fatto di nascosto, ma proprio per questo con effetti ancora peggiori.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!