BeautyLifestyle

Il collutorio aiuta a combattere il Covid

“La bocca è uno dei luoghi cruciali per la diffusione e la ricezione del virus, è il serbatoio da cui hanno origine le famose goccioline (droplet) causa di infezione, ma anche la zona dove può avvenire il primo contatto fatale con il Covid-19”, sostiene Luca Levrini, direttore della scuola di specializzazione in Ortodonzia e membro dell’advisory board creato da Unilever.

Il board ha commentato i test condotti nei laboratori americani dell’azienda per vedere se il collutorio ha un’influenza sul Covid19. “I test hanno rivelato che un collutorio dotato di tecnologia a base di Cetilpiridinio Cloruro (Cps), riduce del 99,9% la carica virale del Sars-CoV-2, il virus che causa la sindrome Covid-19, dopo 30 secondi di contatto”, ha affermato Levrini al Corriere della Sera.

Il collutorio quindi non può sostituirsi al distanziamento sociale o all’uso della mascherina, ma può aiutare a contrastare l’infezione da Coronarivus. Il Cpc contenuto nel collutorio è una molecola già utilizzata in ambito medico e ospedaliero per depotenziare i virus ma anche i batteri responsabili della carie.

Anche un altro studio condotto sempre da Unilever a Singapore su un gruppo di pazienti positivi ha mostrato che la carica virale nella bocca può essere ridotta fino a sei ore grazie alla tecnologia Cpc. “Il collutorio non vuole salvare vite umane ma vuole invece entrare in punta di piedi in un contesto preventivo con un’azione già presente nella quotidianità delle persone”, sostiene Levrini.

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!