EconomiaFINANZA

Le imprese zombie: non sono fallite, ma non producono ricchezza

Quasi novemila aziende in più hanno resistito alla crisi rispetto al 2019, grazie all’erogazione di credito garantito dal governo, ai ristori pubblici e alla cassa integrazione. Sono imprese zombie, non sono morte ma neanche vive: non generano la ricchezza necessaria per andare avanti.

Come racconta il Corriere della Sera, Mario Draghi, già presidente della BCE, nel suo report G30, aveva affermato: “Il flusso di sussidi e credito garantito dei governi sta coprendo una realtà che è molto più preoccupante di quanto possiamo stimare per il momento”. Non a caso il suo consiglio era di limitare gli aiuti a pioggia e di pensare a sussidi mirati e procedure fallimentari più snelle.

Secondo la Camera arbitrale di Milano, il numero delle insolvenze in Italia nel 2020 ha registrato un calo del 46%, grazie al decreto liquidità che di fatto ha evitato i fallimenti delle aziende. La banca francese Natixis stima che un decimo delle aziende italiane abbiano attraversato la prima fase della pandemia già in una condizione di ‘zombie’, una fetta minore di quelle francesi, tedesche o spagnole.

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!