CLEAN ENERGYEconomia

Ex Ilva: ‘L’idrogeno è il futuro ma ci vorranno ancora cinque anni’

L’accordo tra Invitalia, ArcelorMittal e lo Stato punta sul rilancio dello stabilimento ex Ilva di Taranto. Per molto tempo la nuova gestione continuerà a puntare sul gas e sull’uso del forno elettrico e del pre-ridotto.

“Il 25% di produzione di acciaio primario verrà dai forni elettrici, il restante 75% dagli altiforni a ciclo integrale. A questo contribuirà l’altoforno 5, uno dei più grandi al mondo, che produrrà 4 milioni di tonnellate. Il suo rifacimento è previsto all’inizio del 2023 e rispetta il piano ambientale”, afferma l’ad di ArcelorMittal Lucia Morselli al Sole 24 Ore.

Si rimanda dunque l’impegno verso l’idrogeno. “Tutti sappiamo che l’idrogeno è il futuro e ci stiamo andando. Abbiamo accordi con grandi aziende italiane pubbliche che sono orientate in modo preciso su questo. L’idrogeno – continua la Morselli – sarà quindi la destinazione finale, ma non può essere del prossimo anno o dei prossimi quattro-cinque. È uno strumento complesso. Ne confermo la validità, ma ci vorrà ancora lavoro da fare”.

Anche Federmanager, l’associazione rappresentativa del management, condivide il focus sul gas. “Il gas è l’oggi mentre l’idrogeno è il futuribile”. Federmanager chiede inoltre competenze tecniche, guardando al modello del Ponte Morandi di Genova. “Per realizzare il piano del Governo, occorreranno 36 mesi e un gruppo strutturato con specializzazioni impiantistiche di stabilimento. I progetti non si realizzano da soli. Servono competenze tecniche”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!