BeautyLifestyle

Boom di ritocchi di chirurgia estetica con lo smart working

È boom di ritocchi di chirurgia estetica. Negli ultimi mesi la nuova realtà a cui ci siamo dovuti abituare ci ha portato a lavorare da remoto, nella propria casa, e ad utilizzare sempre più il pc e le video conference per parlare con i colleghi. “Un po’ com’era successo per il boom dei selfie – spiega il chirurgo milanese Valeriano Vinci a Repubblica – con le conference call siamo costretti a vedere molto spesso la nostra immagine nel rettangolo degli schermi. E le telecamere possono deformare il viso. Di qui la necessità, anche per reazione al periodo che viviamo, di rivolgersi a uno specialista”.

Un altro fattore che spinge sempre più le persone a ricorrere alla chirurgia estetica è la maggiore mobilità durante lo smart working. Non c’è bisogno di giustificare i propri spostamenti, si può passare il periodo di degenza a casa, ma al tempo stesso rimanere operativi.

“Nel mio caso registro un aumento significativo degli interventi poco invasivi, soprattutto al volto e alle palpebre. Le persone chiuse in casa si guardano di più e interiorizzano maggiormente i loro problemi. Per questo poi si rivolgono a noi”, racconta Franco Perego, docente presso la Scuola di Chirurgia Plastica dell’università di Padova.

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!