Attualità e politica

Francesco Boccia a LaChirico: «La collaborazione tra Stato e Regioni ha funzionato, il Paese ha dato prova di sé»

il Ministro degli Affari Regionali Francesco Boccia è intervenuto nel corso della seconda giornata dell’evento “Rinascita Italia. The young hope”, promossa dall’associazione Fino a prova contraria: «Gli altri stati federati nel mondo hanno gestito la pandemia diversamente da noi, poi se il comandante in capo era un negazionista, era ancora più difficile. Il regionalismo italiano è risultato efficiente, abbiamo un sistema, che va migliorato, ma che dà alcune materie esclusive alla competenza statale, e alcune materie che hanno bisogno di una discussione in più.

Le reti sanitarie sono gestite dalle regioni e non dallo stato. Quando servivano le mascherine, lo stato ha costruito filiere produttive per essere autosufficienti. Siamo gli unici a fornire gratuitamente alle scuole le mascherine ogni mattina. La sanità italiana negli anni ’70 non è diversa da quella di oggi. I presidenti di regione ne sanno molto di più. E’ stata attuala la nostra Costituzione con un lavoro legato allo stato di emergenza. I muscoli sono stati le forze armate, vedi il trasporto di bare. Lo facevano le regioni. Da tante regioni del sud moltissimi sono andati su per aiutare, tra infermieri e operatori sociosanitari volontari. In questo Paese il senso di solidarietà è importante, l’italia ha dato prova di sé e stato e regioni hanno collaborato. Rivendico la reale collaborazione tra stato e regioni. I dpcm erano necessari. Ci dicevano che andavamo contro la Costituzione, ma i dpcm erano necessari perché gli infermieri del sud potessero salire su ad aiutare le regioni più in difficoltà. Viene prima la salute e poi il business, rivendico questa frase. Senza salute non c’è l’attività produttività.

Allo stato attuale escluderei un secondo lockdown, ma se i numeri crescessero esponenzialmente bisognerebbe valutare. I lockdown avvengono quando i focolai diventano incontrollabili. A marzo era drammatica la situazione. La sanità del Lazio è quella che ha funzionato meglio. A marzo non c’erano focolai al sud, ma adesso dopo le vacanze alcuni presidenti di regione, come De Luca, sono preoccupati.»

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!