Attualità e politica

Illy a LaChirico: «Draghi l’uomo giusto. Idrogeno? Italia all’avanguardia»

«Mi auguro che Mario Draghi resti a Palazzo Chigi e poi al Quirinale per molti anni a venire». Esordisce così l’imprenditore Andrea Illy, presidente di illycaffè, che, per il premier Draghi, non vede un’alternativa tra i due incarichi: «Se c’è la volontà politica, il presidente potrà svolgere entrambi i ruoli al momento opportuno», dice il presidente (l’intervista integrale nell’edizione odierna del Foglio). 

I quasi due anni di pandemia hanno stravolto il mondo e posto nuovi obiettivi: «Viviamo un momento magico, come accade, di norma, all’indomani di una guerra. Nel nostro caso non abbiamo subìto bombardamenti, eppure ci troviamo dentro una rivoluzione industriale che segna un cambio d’epoca. Da un’era ‘estrattiva’, basata principalmente sull’estrazione di risorse e sul depauperamento ambientale, stiamo passando ad un’era ‘rigenerativa’ che coniuga lo sviluppo economico con l’attenzione all’ambiente al fine di ridurre la nostra impronta ecologica, mantenere integre le risorse del pianeta e lasciare un’eredità positiva ai posteri». 

Una rivoluzione industriale rappresentata dalla transizione ecologica che assorbe gran parte del PNRR. In questo l’Italia è sui binari giusti: «Abbiamo intrapreso un percorso coerente volto a realizzare un nuovo modello socioeconomico in chiave rigenerativa, basato su economia circolare e decarbonizzazione».

Per investire, però, gli imprenditori, chiedono una burocrazia più snella ed efficiente: «I tempi degli iter amministrativi sono un elemento decisivo per incoraggiare gli investimenti. Per questo, è stato chiamato sulla tolda di comando il presidente Draghi che in ruoli e contesti ben più complessi ha mostrato straordinarie qualità di leadership». 

Sull’idrogeno l’Italia può giocare un ruolo di primo piano. Enel e Snam marciano spediti: «Siamo già avanguardia. L’idrogeno verde può rivoluzionare la mobilità urbana, in prospettiva può diventare la tecnologia preferibile su larga scala anche se oggi siamo più avanti sulle batterie al litio». 

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!