Internazionale

Golden power: primo veto su un’acquisizione cinese

Per la prima volta il governo Draghi, su volontà del ministro dello Sviluppo economico Giancarlo Giorgetti, ha applicato il golden power su un’acquisizione cinese. Ha infatti bloccato l’operazione da parte della Shenzen investment holdings co. che avrebbe ottenuto il 70% del capitale di Lpe spa, azienda lombarda del settore dei semiconduttori.

Il ministro, che ieri ha presentato le linee programmatiche davanti alle commissioni Industria di Camera e Senato, ha sottolineato che esistono alcune filiere strategiche, come l’automotive e la siderurgia, “particolarmente esposte alla concorrenza cinese”.

Come racconta il Sole 24 Ore, solo una volta in passato il governo ha messo il veto su un’acquisizione: lo ha fatto nel 2021 bloccando un’operazione della francese Altran nel campo della difesa.

Giorgetti ha ribadito “la possibilità di estendere l’ambito di applicazione della normativa golden power anche a filiere che allo stato ne sono escluse e che rivestono invece un evidente rilievo nell’assetto economico nazionale”.

Infine, il ministro ha definito “anacronistici se non autolesionistici” i vincoli europei relativi agli aiuti di Stato soprattutto “quando si tratta di fronteggiare la concorrenza delle economie emergenti”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!