CLEAN ENERGYEconomia

Marco Alverà a LaChirico: «L’Italia ha grandi potenzialità, può esportare idrogeno alla Germania»

L’Ad di Snam Marco Alverà è intervenuto all’evento “Rinascita Italia. The young hope” sui temi sostenibilità, competitività e sicurezza: «Si parla sempre più dell’idrogeno e noi siamo stati i primi a dimostrare la validità della miscela tra gas naturale e idrogeno. In questa fase di transizione energetica dobbiamo costruire il futuro, partendo da un’infrastruttura esistente. L’idrogeno più a buon mercato si fa dal sole, è come se fosse una grande batteria per stoccare energia. L’italia è già interconnessa con il Nordafrica ha delle potenzialità inespresse, può pensare di esportare idrogeno verso la Germania.

La Germania non ha le nostre stesse risorse ed è più lontana dal Nordafrica. Se facciamo squadra si può sfruttare l’opportunità. Il futuro che stiamo immaginando è la soluzione definitiva. Abbiamo di fronte 18-24 mesi in cui tutto questo va ridisegnato a livello europeo, al 2030 abbiamo l’obbligo di arrivare al 55% di riduzione delle emissioni di co2 rispetto al 1990.

Tutti gli investimenti che facciamo fanno si che tutto quello che stiamo usando vada verso l’idrogeno. Stiamo lavorando in sinergia con Stefano Donnarumma, facciamo piani condivisi Snam-Terna; queste cose nel mondo non le sta facendo nessuno.

Sono andato a un convegno sull’idrogeno nel 2002 in Giappone e pensavo che non poteva funzionare, non mi sembrava fattibile l’idrogeno nelle auto. Poi dal 2002, Italia, Germania e Spagna, con dei sussidi generosissimi, hanno creato il mercato mondiale delle celle fotovoltaiche, grazie al quale il costo del solare è sceso da 600 euro a 11 euro. L’idrogeno costava sessanta volte il petrolio, oggi costa due volte il petrolio. L’impegno è portare l’idrogeno a costi competitivi in cinque anni e non avremo più bisogno di sussidi.»

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!