EconomiaINNOVAZIONE

Sostenibilità e innovazione: l’industria tessile europea alla ricerca di 600mila professionisti

Entro il 2030 le aziende europee del tessile, abbigliamento, della pelle e delle calzature avranno bisogno di 600mila nuovi lavoratori, sia per far fronte ai pensionamenti, ma anche per rispondere alla richiesta di nuovi profili professionali, legati soprattutto alla sostenibilità e all’innovazione digitale

È il dato emerso da uno studio effettuato da Euratex, la confederazione europea del tessile e abbigliamento, presentato in occasione del convegno “Il futuro dell’industria della moda” organizzato a Firenze dal programma europeo Skills Smart 2030 Tclf.

Come scrive Il Sole 24 Ore, questi quattro settori oggi danno lavoro a circa 2 milioni di persone, con l’Italia che guida la classifica del numero di addetti, circa 410mila. Il nostro Paese è anche quello con l’età media più alta d’Europa, con gli addetti over 50 che sono passati dal 22% nel 2009 al 36% del 2020.

Per questo, spiega Euratex, c’è il rischio che nei prossimi anni le risorse umane scarseggino e sia difficile reperire profili professionali adeguati alle nuove esigenze dell’industria.

Redazione

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!