EconomiaFINANZA

Balzo del Pil, ma calo di fiducia e carenza di materie prime e chip

Il secondo trimestre si è concluso con una crescita del 2,7%, secondo i dati dell’Istat che di fatto confermano le stime preliminari diffuse dallo stesso Istituto. La crescita rispetto al medesimo periodo dello scorso anno è del +17,3%.

Come spiega Dario Di Vico sul Corriere della Sera, non dobbiamo farci trarre in inganno da questi dati. Il risultato ottenuto, di + 2,7% nel periodo aprile-giugno rispetto a gennaio-marzo, lascia intendere che la crescita acquisita per il 2021 è del 4,7% e, quindi, a fine anno il Pil oscillerà tra il +5,5% e il +6%. I numeri sembrano dunque essere molto positivi, ma a ben vedere la crescita del +2,7% è stata trainata dai consumi delle famiglie.

Venute meno, almeno in parte, le restrizioni sanitarie, i cittadini hanno inevitabilmente ripreso a spendere e la domanda ha cominciato a ripartire. La crescita è stata trainata in modo minore, invece, dagli investimenti e dall’export.

Inoltre, Di Vico sottolinea altri fattori da tenere in considerazione. Secondo l’ultima indagine a campione del Centro Studi Confindustria sulla produzione industriale che si riferisce al mese di luglio, vi è stato un calo dello 0,7% rispetto al mese precedente, così come è calato l’indice Istat di fiducia delle imprese ad agosto, passando da 115,9 a 114,2 dopo otto mesi di aumento.

Un altro grande nodo da sciogliere per il comparto industriale è la carenza di microchip e il basso approvvigionamento di semiconduttori che sta coinvolgendo i grandi produttori automotive. Anche sulle materie prime, vi sono problemi di rifornimento, il che potrebbe comportare anche un aumento dei prezzi ai danni dei consumatori.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!