Internazionale

Il procuratore De Raho lancia l’allarme: “Dalla Tunisia soggetti a rischio sotto il profilo del terrorismo”

“Acquista sempre più spessore il canale della Tunisia, che costituisce origine e provenienza di soggetti a rischio sotto il profilo del terrorismo”, lo ha dichiarato il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, in audizione presso il Comitato Schengen. Ha lanciato l’allarme ricordando come l’attentatore di Nizza dello scorso 2020 era un tunisino, sbarcato sulle coste siciliane a Lampedusa, che, senza rispettare la quarantena, si era mosso indisturbato verso la Francia.

Come racconta Libero, un’analisi di International Crisis Group mostra che il picco di terrorismo nel Paese è stato raggiunto tra il 2011 e il 2016, fra le primavere arabe e il culmine dello Stato Islamico. In quel lasso di tempo sono state 214 le vittime per terrorismo, comprese decine di turisti occidentali nel 2015.

Spaventa dunque il clima di incertezza in cui riversa oggi la Tunisia, se si considera che proprio da lì sono partiti tra i 7mila e i 10mila volontari dell’Isis e di altri gruppi terroristici all’estero, anche se le cifre ufficiali riducono a 2.900.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!