Attualità e politica

Salvini: “Sul vaccino gli italiani devono poter scegliere. Con il green pass trasformiamo baristi, bagnini e camerieri in poliziotti?”

“Io credo alla scienza, osservo la realtà e amo la libertà. Anzi, le libertà, tutte le libertà”, lo dichiara Matteo Salvini che proprio della libertà di scegliere se vaccinarsi è un fervido sostenitore: “Io mi sono vaccinato per libera scelta, ma non penso che tutti gli italiani debbano essere costretti a farlo. Sono per l’informazione, non per l’imposizione, gli obblighi, le multe. Oggi il Green pass, con i letti di terapia intensiva per fortuna vuoti al 98%, rischia di escludere dalla vita sociale più della metà degli italiani”.

Proprio sull’obbligo di green pass per accedere ai ristoranti all’interno o sulle chiusure delle discoteche, il leader della Lega non è d’accordo. In un’intervista a Libero spiega: “Il dato dei morti, dei ricoveri e delle terapie intensive rimane per ora fortunatamente costante e sotto controllo. Ieri 7 morti, nei giorni precedenti cifre simili o anche inferiori, gli italiani vaccinati sono ormai quasi 40 milioni, entro settembre saranno molti di più. Le scuole e le aziende dovranno riaprire per tutti, senza esclusioni, licenziamenti o punizioni. Si può fare. Il giorno che hanno firmato il Decreto Riaperture ci furono 361 morti, oggi che si parla di nuovi limiti e chiusure solo 7. Qualcosa non torna”.

“Se per le partite negli stadi o per i grandi concerti forse un senso ci poteva essere, partire a inizio agosto con tutte le altre attività sarà ingestibile. Che facciamo, trasformiamo baristi, bagnini e camerieri in poliziotti? Gli italiani sono persone di buon senso e rispettosi, non meritano altri problemi e altra burocrazia, penso soprattutto al mondo del turismo, del commercio e ai molti genitori con figli, alle loro difficoltà”, continua Salvini.

Su un possibile nuovo lockdown visto l’impennarsi dei casi, il leghista afferma: “Il lockdown sarebbe una sconfitta per tutti, un colpo mortale per l’Italia. Ma ora parliamo del nulla, i dati sono sotto controllo e sono convinto che il piano vaccinale – realizzato con efficacia dalle Regioni – sarà uno scudo importante. Mi fido degli italiani. Parlare di possibili catastrofi fa male al Paese. Sul vaccino farsi delle domande credo sia lecito. E lo dico da persona vaccinata. Che il vaccino sopra i 60anni salvi vite è certo, sui bambini e sui ragazzi la stessa comunità scientifica internazionale invita alla cautela. Cosa sono, tutti no vax? Etichetta che viene attaccata addosso con superficialità, mentre il confronto civile sarebbe molto più utile”.

Per quanto riguarda il sostegno della Lega al governo Draghi, Salvini dichiara a Libero: “La Lega ha confermato coi fatti di sostenere le riforme del governo, dal taglio delle tasse al rinvio delle cartelle di Equitalia. Con convinzione. Invece, il Pd manda in fibrillazione la maggioranza cercando lo scontro sul ddl Zan, proponendo Ius soli e nuove tasse, e il Movimento 5Stelle minaccia addirittura di uscire dal governo in polemica sulla giustizia”.

Infine sulla magistratura al centro di numerose polemiche negli ultimi mesi: “Non credo ai complotti, ma che una piccola parte di magistratura sia legata alla sinistra e usi i processi per fare politica è evidente. Mi limito a ricordare che a dire “Salvini ha ragione ma va attaccato” fu Palamara. A metà settembre andrò in tribunale a Palermo per il caso Open Arms, per aver difeso e protetto il mio Paese: sarò in quel Tribunale dove di solito processano i mafiosi a testa alta, perché difendere l’Italia dagli scafisti e dai clandestini non è reato”.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!