Attualità e politica

Aeronautica, esercitazione Falcon Strike 2021: Usa, Italia, Regno Unito e Israele per migliorare standardizzazione

Oltre 50 velivoli, tra caccia, aerei da trasporto e da rifornimento in volo ed altri assetti di supporto, e circa seicento militari sono impegnati nell’esercitazione aerea Falcon Strike 2021. In corso alla base aerea di Amendola, sede del 32° Stormo, questa esercitazione aerea multinazionale è uno degli eventi addestrativi più importanti dell’anno organizzati dall’Aeronautica Militare per favorire la standardizzazione tra forze aeree di diverse nazioni in termini di metodologie addestrative e tattiche operative comuni.

Per la prima volta in Europa, operano insieme F-35A ed F-35B di quattro diverse Nazioni tra quelle che hanno aderito al programma Joint Strike Fighter (JSF):  Stati Uniti, Italia, Regno Unito e Israele.

Lo scorso 8 giugno, presso il Distaccamento Aeroportuale di Pantelleria, si è svolta un’attività di addestramento sulla capacità expeditionary dell’Aeronautica Militare, che ha coinvolto anche la Royal Air Force, decollato dalla portaerei Queen Elizabeth.

L’esercitazione, sotto il comando e controllo del Comando Operazioni Aerospaziali di Poggio Renatico (Ferrara), ha l’obiettivo di riprodurre uno scenario operativo in cui si svolgono operazioni aeree complesse con assetti di 5ª generazione. Vengono ricreate diverse tipologie di missioni, tra cui la protezione di assetti aerei di alto valore, le operazioni di Close Air Support, l’interdizione aerea con gestione strategica e tattica, il supporto alle forze speciali a terra, le operazioni di targeting.

Oltre alle componenti aeree partecipano unità specializzate dell’Aeronautica Militare in vari ambiti: componenti di Force Protection del 16° Stormo di Martina Franca, Special Forces del 17° Stormo Incursori di Furbara, Counter UAS del 16° Stormo e del 32° Stormo, unità cinofile K9 del Centro Cinofili AM di Grosseto, nonché assetti e capacità deployable del 3° Stormo di Villafranca.

L’esercitazione, la cui guida è affidata all’Aeronautica Militare, ha quale base principale di rischieramento il 32° Stormo di Amendola, ma vede al contempo coinvolte altre basi dell’AM in funzione di supporto, tra cui quella del 37° Stormo di Trapani e del Reparto di Standardizzazione e Tiro Aereo di Decimomannu.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!