Attualità e politica

Speranza si oppone al Tar: i verbali delle riunioni ancora segreti

È scaduto il termine dei trenta giorni dalla comunicazione della sentenza del Tar del Lazio che richiede al ministero della Salute i verbali delle riunioni delle task force anti-Covid19, convocate a gennaio 2020.

Come racconta La Verità, questi verbali non sono stati ancora consegnati. Sono stati prima definiti incontri “informali”, che però è stata una precisazione irrilevante per il Tar che ha richiesto comunque di visionare i documenti.

Gli avvocati del ministro Speranza si appellano al diritto alla riservatezza, all’immagine, al buon nome e alla credibilità delle persone che hanno partecipato alle riunioni. Chiedono che “vengano omessi i numeri telefonici e gli indirizzi email, e i nominativi degli intervenienti e ogni altro elemento che ne consenta l’identificazione”.

“È fondamentale sapere chi ha detto cosa, discutendo di emergenza sanitaria, la rilevanza cambia a seconda dell’interlocutore che ha fatto una determinata dichiarazione durante gli incontri della task force. Chiedere l’autorizzazione, il via libera a rendere pubblico il contenuto del verbale a chi c’era nelle riunioni, vuol dire solo fare ostruzionismo”, commenta a La Verità, Galeazzo Bignami, deputato di Fratelli d’Italia, che assieme a Marcello Gemmato da mesi chiede che sia reso noto il contenuto degli incontri della task force.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Back to top button
Do NOT follow this link or you will be banned from the site!